PROGETTO

V.A.L.E. – VALORE ALL’ESPERIENZA è un progetto transfrontaliero che coinvolge i territori di Torino e delle Alpi Marittime, storicamente riconosciuti per la loro eccellenza nell’arte della pasticceria e gelateria.

L’obiettivo di V.A.L.E. è formare professionisti dell’arte dolciaria capaci di valorizzare il territorio e di avviare attività di impresa, utilizzando i prodotti tipici locali e trasformandoli in prodotti artigianali di qualità.

L’originalità di V.A.L.E. risiede nella definizione di un profilo professionale transfrontaliero e nelle caratteristiche del percorso formativo, che coniuga artigianalità e innovazione imprenditoriale, valorizza l’esperienza personale e si integra con servizi specifici di supporto al lavoro e all’autoimprenditorialità.

L’approccio transfrontaliero agevola la contaminazione positiva tra le eccellenze dei territori, amplia le prospettive occupazionali e favorisce la modernizzazione delle produzioni locali, con ricadute proficue su tutta la filiera e sullo sviluppo delle aree coinvolte.

I partner sono esperti di formazione e di ricerca e innovazione nel settore agroalimentare, di creazione di impresa, di orientamento e servizi al lavoro.

Gli obiettivi specifici

  • Costruire un profilo professionale transfrontaliero incentrato sulla valorizzazione di prodotti agricoli locali di qualità, per progettare un percorso formativo professionalizzante nei settori di produzione dolciaria italo-francese di eccellenza, con il rilascio di un’attestazione, riconosciuta sui due versanti;
  • Sviluppare un percorso formativo caratterizzato dall’uso delle nuove tecnologie, dall’apprendimento fondato sull’esperienza, dall’alternanza scuola-lavoro e da una didattica laboratoriale e sperimentale per la formazione professionalizzante;
  • Supportare i partecipanti nell’identificare opportunità lavorative, sviluppare competenze di ricerca attiva di lavoro, favorire l’autoimprenditorialità attraverso servizi di informazione e sostegno alla creazione d’impresa.

I risultati attesi

  • Messa in rete delle esperienze e promozione delle buone pratiche transnazionali;
  • Organizzazione di attività mirate di comunicazione;
  • Diffusione del progetto, attraverso il coinvolgimento sia di target group specifici, sia di un’ampia rappresentanza di destinatari (es: operatori di aziende, enti pubblici e privati);
  • Creazione di cataloghi delle diverse tipologie di attività produttive e di prodotto sui versanti italiano e francese (filiere della gelateria e della pasticceria);
  • Creazione di un inventario varietale locale della frutta, delle verdure e dei cereali utilizzati/utilizzabili in gelateria e pasticceria;
  • Promozione di strumenti e conoscenze a sostegno del reddito e per valorizzare agricoltori e piccoli artigiani locali; potenziamento delle competenze nell’ambito dell’organizzazione e cooperazione;
  • Creazione di un referenziale di mestiere e di un referenziale di formazione unici;
  • Articolazione di un servizio di individuazione, validazione e certificazione delle competenze del settore;
  • Realizzazione di 6 percorsi formativi innovativi destinati a 90 giovani e adulti, suddivisi tra il versante italiano e il versante francese;
  • Redazione di un documento, riconosciuto sui due versanti, che certifichi le competenze acquisite dai partecipanti;
  • Organizzazione di un servizio di jobplacement, al fine di offrire ai partecipanti azioni per il rinforzo dell’occupabilità e per l’inserimento lavorativo;
  • Supporto alla creazione di nuove imprese, solide e consapevoli.

 

Attività 1.1 Coordinamento e monitoraggio tecnico-amministrativo del progetto

L'attività è finalizzata ad assicurare il coordinamento tecnico e amministrativo e il management della transnazionalità. L'attività è strutturata in una serie di fasi integrate e ricorsive, che attivano gruppi di lavoro/unità centrali, diversificate e specifiche per azioni. Il coordinamento tecnico e amministrativo attua modalità e strumenti flessibili, capaci di evidenziare sinergia/integrazione. Si prevedono 3 incontri transfrontalieri annuali, strutturati in giornate di lavoro, con tutti i partner per avvio, coordinamento delle attività, definizione dei materiali di lavoro e dei prodotti promozionali, avanzamento fisico, economico e finanziario del progetto e alla sua conclusione, scambio di esperienze e buone pratiche transnazionali.


Attività 1.2 Valutazione esterna

E' prevista una valutazione del progetto. L'obiettivo è di creare una modalità strutturata di sinergia, collaborazione tra i partner in tutte le procedure previste dal progetto, per il monitoraggio degli obiettivi specifici e gli indicatori di risultato del progetto VALE. La valutazione esterna di un progetto è un'attività fondamentale. Quest'ultima è prevista a partire dall'inizio fino alla fine delle attività progettuali, si inserisce perfettamente nel sistema di gestione collaborativa e partecipata che caratterizza il progetto.

Attività 2.1 Strategia e strumenti di comunicazione

Il piano di comunicazione ha lo scopo di individuare alcuni fattori chiave: CHE COSA: definire i messaggi e i prodotti - CHI: l'identificazione del target - PERCHÉ: definire la portata - COME: definire il metodo - QUANDO: raggiungere gli obiettivi. Il piano di comunicazione definisce anche l'immagine del progetto e fornisce la comunicazione in relazione ai destinatari e al contenuto dei messaggi chiave. La strategia definisce la struttura e il contenuto dei messaggi da trasmettere e a che parte della popolazione è più utile indirizzarsi e quali sono i mezzi migliori da utilizzare. La diffusione dei risultati implica un rapporto a lungo termine con gli stakeholder, che provvede a fornire un feedback continuo per migliorare il messaggio.


Attività 2.2 Promozione e diffusione

L'attività è finalizzata a dare visibilità e promuovere il progetto, diffondere metodologie, risultati e prodotti ad un vasto pubblico anche nell'ottica di una loro replicabilità e/o trasferimento. A tal fine è prevista l'organizzazione di diversi eventi targettizzati: -eventi di lancio e finali del progetto -incontri tematici per l'implementazione, trasferibilità e sostenibilità del progetto con maestri di mestiere (pasticceri e gelatai), formatori e orientatori, referenti istituzionali aree Formazione/Orientamento/Attività produttive -eventi di presentazione del progetto rivolti a potenziali destinatari -partecipazione a fiere ed eventi di settore con attività informative, dimostrative e degustazioni a cura dei partecipanti al progetto.


Attività 2.3 Comunicazione web

Per rendere accessibili le informazioni al più ampio numero di di persone (grande pubblico, operatori di settore pubblici e privati, destinatari, aziende) e assicurare una adeguata promozione e diffusione del progetto è prevista la realizzazione di: - un sito internet bilingue (italiano-francese) contenente le informazioni (news, immagini e filmati) necessarie per coinvolgere tutti gli eventuali portatori di interessi, garantendo un aggiornamento continuo della progressione dei lavori e una presentazione puntuale dei risultati ottenuti in corso d'opera; - una web community per lo scambio di informazioni in tempo reale al fine di arricchire l'avanzamento del progetto e di ampliare le conoscenze dei singoli beneficiari e operatori.

Attività 3.1 Analisi delle filiere (gelato, pasticceria fresca e secca) ed elaborazione delle diverse tipologie di prodotto e inventario varietale

L'azione si propone: a) di rilevare attraverso un'indagine a campione significativo e di analizzare le filiere del gelato, della pasticceria, della frutta fresca e secca e dei trasformati di frutta e cereali (semilavorati, farine, polpe, ...utilizzati/utilizzabili in gelateria e pasticceria), consapevoli del fatto che la filiera delle materie prime fa la differenza in termini di qualità del prodotto e rendono unico il territorio in cui vengono prodotte; b) di elaborare una classificazione delle diverse tipologie di prodotto; c) di procedere a un inventario varietale della frutta, delle verdure, dei cereali utilizzati/utilizzabili in gelateria e pasticceria.


Attività 3.2 Creazione di un comitato tecnico-scientifico per la definizione di un referenziale di mestiere e di formazione transfrontaliero

Il comitato tecnico-scientifico (CTS) ha il compito di validare un referenziale di mestiere e di formazione adeguato rispetto al territorio. Il CTS verifica l'adeguamento del referenziale mestiere alle realtà socio-economiche del territorio e l'aggiornamento del referenziale formazione rispetto al referenziale mestiere. Il CTS può migliorare il referenziale mestiere in seguito alle prime esperimentazioni. Al fine di comporre il CTS si prevede una diffusione del progetto e dei suoi obiettivi presso strutture e reti per competenze e attività strategiche (entri di formazioni, uffici del turismo, consolati, ministero dell'istruzione e del lavoro). Per garantire una maggiore efficacia il CTS è composto da 10 membri, al massimo.


Attività 3.3 Networking

L'attività si articola in due diversi interventi: a) “Guardare a nuovi orizzonti”. Incontri/Interviste con 8-10 giovani imprenditori di eccellenza, di cui 3-6 sul versante francese e 3-6 sul versante italiano con lo scopo di rilevare ed evidenziare storie stimolanti di imprenditoria giovane, di coraggio, di superamento delle paure, di forza d'animo, di determinazione nell'agire accompagnata da capacità di analisi, studio attento dello scenario e tenacia; b) Seminario “Prima di tutto la qualità”. Incontro e confronto tra Produttori di gelati e pasticceria, Produttori di semilavorati e Produttori di materie prime con lo scopo di mettere a fuoco mete raggiunte e criticità da superare.

Attività 4.1 Selezione dei partecipanti e realizzazione del servizio di identificazione, validazione e certificazione delle competenze

L’attività si articola in due fasi correlate. La prima fase è finalizzata all’individuazione e selezione degli utenti che parteciperanno alle diverse edizioni dei corsi di formazione. La fase di selezione è strutturata secondo un preciso iter metodologico e fa riferimento a specifici prerequisiti in ingresso. La seconda fase invece fa riferimento al servizio di individuazione, validazione e certificazione delle competenze formali, non formali e informali (riferimento Francia VdA e Italia DD 34 del 27 gennaio 2016) e al Piano di Azione Individuale degli utenti che possono, in funzione del riconoscimento di crediti formativi in ingresso, frequentare il percorso formativo completo oppure solo alcuni moduli professionalizzanti.

 
Attività 4.2 Erogazione dei percorsi formativi binazionali

Con questa attività si intende realizzare un percorso formativo professionalizzante per esperti pasticceri e gelatai. Si propongono 6 edizioni di tale percorso; il monitoraggio e la valutazione di ogni edizione permettono di affinare il percorso, le metodologie e gli strumenti per giungere a fine progetto con un modello (profilo/percorso, ma anche strumenti e metodologie) sperimentato e validato. Si propone un percorso formativo innovativo che si fonda su un profilo professionale (referenziale) nuovo (Cfr Att 3.2). Beneficiari del percorso formativo sono giovani e adulti che già possiedono alcune competenze di base derivanti dal precedente percorso formativo e/o dall'esperienza.

 
Attività 4.3 Job placement

Il servizio di Jobplacement è finalizzato a offrire ai beneficiari finali del progetto un pacchetto coordinato e integrato di opportunità di accompagnamento e tutoraggio al lavoro individualizzato per incrementare le opportunità occupazionali, anche attraverso lo sviluppo di competenze per l’occupabilità (cit.ISFOL) e l'interazione con le aziende nei territori di riferimento per l’incontro domanda e offerta di lavoro. Il servizio di Job placement prevede percorsi di consulenza di carriera e di Bilanci di Competenze, secondo la metodologia che si ispira alla Carta Qualità Europea (www.fecbop.eu) della Federazione Europea dei Centri di Bilancio di Competenze, alla quale aderiscono sia il Capofila sia il GIP FIPAN.

 
Attività 4.4 Accompagnamento alla creazione d'impresa. Informazione sulle opportunità di agevolazione per l'avvio d'impresa e la realizzazione degli investimenti iniziali

L'attività ha come obiettivo orientare al lavoro autonomo i partecipanti ai percorsi formativi realizzati nell'ambito del progetto. Infatti l'apertura di un'attività artigianale in proprio è uno degli sbocchi naturali nelle filiere produttive del gelato e della pasticceria fresca e secca. Ci concentreremo sull'imprenditorialità come elemento chiave per la realizzazione professionale e l'indipendenza economica, valorizzando le potenzialità di sviluppo d'impresa in chiave transfrontaliera. Tale attività rappresenta una sperimentazione utile dal punto di vista metodologico per approcci di più ampia scala nell'ambito delle politiche di sostegno all'imprenditorialità realizzati da alcuni dei partner nel territorio del progetto.

 

“II progetto V.A.L.E. è cofinanziato dall’Unione Europea nel quadro del Programma Interreg V-A Francia-Italia 2014-2020”
Condividi su: